Podere San Pierino AZIENDA AGRICOLA VINICOLA ED OLIVICOLA NEL CUORE DEL CHIANTI CLASSICO IN TOSCANA
Home » Ricette » Pappa al pomodoro

Ricette

Pappa al pomodoro

Pappa al pomodoro - Podere San Pierino

Pane raffermo, rigorosamente toscano, pomodori maturi, aglio e profumo di basilico . Ne esistono decine di versioni.  Noi vi proponiamo la più semplice, in cui il pomodoro è il re indiscusso.

 
 

INGREDIENTI

  • 300 grammi di pane toscano raffermo
  • 500 grammi di pomodori toscani/pisanelli maturi (costoluti insomma)
  • 1 litro di brodo vegetale
  • Olio extravergine di oliva Podere San Pierino
  • Sale e pepe q.b. (peperoncino)
  • 4 persone
  • 200 Kcal a porzione
  • Difficoltà facile
  • pronta in 20 minuti
  • ricetta vegetariana e vegan
  • ricetta light
  • si può preparare in anticipo
  • si può mangiare fuori

 

 PREPARAZIONE

 

  • Pelate i pomodori uno per uno, sono così maturi che basta ripassarli con il dorso del coltello e la pelle vien via in un attimo. In alternativa si possono incidere, sbollentare per i canonici 10 secondi e raffreddare in acqua e ghiaccio. In questo modo si sbucciano più facilmente.
  • Eliminate i semi e fateli a cubetti.
  • Mettete l’olio in una tegame ampio, con uno spicchio d’aglio per persona (4 spicchi nel nostro caso) e dei gambi di basilico.
  • Quando l’aglio si è imbiondito, è il momento di aggiungere il pomodoro, tirare via i gambi ed alzare la fiamma.
  • Lasciate cuocere la salsa per qualche minuto, aggiustate di sale e coprite il tegame (meglio se di coccio)
  • Tagliate il pane a tocchetti, il mio ha 4 giorni di vita, e  lasciatelo ammorbidire nel brodo vegetale ancora caldo. Attendete che la crosta si inzuppi per bene, strizzate leggermente ed aggiungete il pane al sugo di pomodoro.
  • Girate costantemente per 15 minuti circa, fin quando le molliche si sono quasi disfatte e la “pappa” comincia a prendere forma. Nel caso dovesse risultare troppo asciutta basta bilanciare la consistenza versando un mestolo di brodo vegetale.
  • Aggiungete una manciata generosa di basilico strappato con le mani e lasciate riposare per un’oretta buona.
  • La pappa al pomodoro va servita tiepida, o fredda, con un tocco di peperoncino (o pepe) e un “C” di olio extravergine.
  • Per gustarvela al meglio abbinateci un bicchiere fresco di vino Tramito e sentirete che bontà!
  •  

 

PIETANZE DI ABBINAMENTO IDEALE

E’ un ottimo primo piatto. Se abbondante può essere anche un piatto unico. In passato era così. Si abbina bene con secondi piatti leggeri e/o vegetariani o con carne bianca e formaggi, in quanto è molto nutriente e sazia velocemente.

 

STAGIONE

      Ricetta estiva autunnale, quando ci sono i pomodori maturi.

 

CURIOSITA'

Pane raffermo, rigorosamente toscano cioè “sciocco”, pomodori maturi, aglio e profumo di basilico: la pappa al pomodoro è tra i piatti più semplici della tradizione toscana. Ne esistono decine di versioni, per non parlare dei tipi di pomodoro che andrebbero usati (secondo tradizione devono essere i fiorentini o “costoluti”).

C’è chi ci mette pure la cipolla, chi fa un soffritto anche con la cipolla, chi ci aggiunge la nipitella, chi il pane lo abbrustolisce, chi ci strofina sopra l’aglio, chi lo bagna sia nel brodo che nell’acqua dei pomodori.

Noi vi proponiamo la più semplice e povera, quella della Nonna Maria, in cui il pomodoro è il re indiscusso.

 

RICORDI D'INFANZIA

Quando mia nonna cucinava la pappa al pomodoro cantava sempre la canzone di Rita Pavone “Viva la pappa col pomodoro” per la gioia di grandi e piccini.

Se avete bimbi in casa, coinvolgeteli nella preparazione cantando. Mangeranno la pappa al pomodoro con più appetito.

 

AUTORE

Ricetta realizzata da Antonella Mori presso Podere San Pierino.

 

 

commenti (1)